COMUNICATI STAMPA 

 

 

A Ravenna altre 212 assegnazioni
ora occorre risolvere tempestivamente gli adempimenti della Bossi Fini

Si è tenuto oggi a Bologna presso la Direzione Regionale del Lavoro un incontro con le associazioni imprenditoriali per discutere sulla ripartizione dei 561 ingressi di lavoratori extracomunitari rimasti dalla precedente suddivisione rispetto al totale assegnato alla regione Emilia Romagna.

 

Alla provincia di Ravenna ne sono stati assegnati 212. Con questa ulteriore ripartizione complessivamente ammontano a 2773 gli ingressi autorizzati (il 37,47% sul totale regionale).

 

La Confesercenti valuta positivamente questa ulteriore ripartizione che costituisce un risultato importante per il nostro territorio, frutto anche del lavoro svolto in piena sintonia tra tutte le realtà interessate.

 

Se da un lalto l’assegnazione e la ripartizione delle quote di lavoratori stagionali extracomunitari risponde quest’anno per tempo alle aspettative del settore turistico e consente una adeguata programmazione per le diverse attività, dall’altro si sono aperte invece preoccupazioni serie per le implicazioni della nuova legge sull’immigrazione.

 

Le procedure previste dalla nuova legge Bossi-Fini richiedono personale e tempi a disposizione che, nelle condizioni attuali e nonostante la disponibilità piena della Questura di Ravenna, non sono compatibili con l’elevato numero di pratiche da svolgere in pochi giorni in particolare per identificazione ed impronte.

 

Su queste problematiche la Confesercenti di Ravenna, dopo aver incontrato nei giorni scorsi i dirigenti interessati della Questura, ha interessato il Ministero degli Interni per segnalare il problema affinché siano date risposte in tempi celeri a questa situazione. Ciò anche al fine di non vedere vanificate le assegnazioni attribuite.