COMUNICATI STAMPA 

 

 

Abusivismo commerciale: servono controlli tutti i giorni

 

 

La Confesercenti ha rilevato nuovamente il fenomeno dell’abusivismo commerciale sull’arenile del litorale ravennate. Sul fenomeno e sulla sua diffusione sono in aumento presso l’Associazione le stesse segnalazioni degli operatori regolari.

 

Su questo punto dolente di presenza illegale sul nostro territorio, la Confesercenti è intervenuta in più occasioni con le Autorità competenti, sia per segnalare la dimensione del fenomeno dell’abusivismo commerciale nei lidi ravennati, che per chiedere adeguate e continue azioni di controllo e di vigilanza, sia sull’arenile che a monte sui punti di maggiore concentrazione.

 

La Confesercenti ha chiesto anche recentemente in un incontro con la Polizia Municipale di inserire il controllo dell’abusivismo tra le priorità di lavoro estivo.

 

Sono circa 400 i soggetti rilevati e intenti a vendere illegalmente nei lidi ravennati, il 60% con postazioni fisse, il resto itineranti, tra questi anche “tatuatori e massaggiatori”.

 

Il fenomeno è più presente nei lidi sud, in particolare Lido di Dante, Lido di Classe e Lido di Savio.

 

In prossimità delle aree mercatali il fenomeno è migliorato e contenuto, nell’arenile è in costante crescita nonostante la stasi nei consumi e l’esistenza di precise disposizioni e ordinanze sindacali di divieto di commercio,ora anche di massaggi e tatuaggi, ordinanze però che non hanno quasi nessun controllo.

  

La situazione di totale impunità peraltro alimenta e richiama ulteriormente altri arrivi. Le stesse stese di merci in vendita sono ormai presenti in diversi tratti di spiaggia, in particolare nel fine settimana, mentre tra gli ombrelloni è sempre più forte l’offerta di prodotti in vendita.

 La convivenza civile e democratica si tutela rispettando e facendo rispettare le regole e le leggi. La campagna rivolta ai consumatori partita in questi giorni è importante, ma lo è sicuramente anche una forte azione di vigilanza sull’arenile per limitare questo fenomeno dirompente e invasivo. Non basta certo un controllo ogni tanto per limitare il fenomeno