COMUNICATI STAMPA 

 

 

Finanziaria 2003: un impianto inadeguato a rilanciare i consumi e sviluppo. Otto miliardi dal concordato è un miraggio

 

"Inadeguata ed ambigua". Così il Presidente Provinciale della Confesercenti, Roberto Manzoni, giudica la Finanziaria presentata dal Governo alle parti sociali nell'incontro di Palazzo Chigi.
"E' inadeguata a fronteggiare l'attuale crisi dei consumi - precisa Manzoni - che come abbiamo più volte sostenuto sono una componente essenziale per la ripresa economica e richiedono interventi immediati in grado di farli ripartire. Per questo abbiamo lanciato la proposta di anticipare la riforma fiscale attraverso la concessione di un bonus di 50 euro mensili per ottobre, novembre e dicembre in modo da ridare da subito una spinta ai consumi ed uscire da una situazione sempre più preoccupante. Un intervento tanto più reso possibile dalla proroga da parte dell'Unione Europea dei termini per il raggiungimento del pareggio di bilancio che concede respiro al Governo".
"Ambigua è invece rispetto agli strumenti per il reperimento dei fondi destinati a finanziare la riforma fiscale. Realizzare otto miliardi dal concordato di massa - sottolinea Manzoni - è un miraggio che non tiene conto dello sforzo già compiuto con gli studi di settore da migliaia di imprese che si troveranno nuovamente al centro del mirino. Ancora una volta, dunque - conclude il Presidente della

 

Ritorna