COMUNICATI STAMPA 

 

 

La FI.BA. al Ministero per i balneari: superare gli ostacoli burocratici per il rilascio delle concessioni

Si è svolto nei giorni scorsi un importante incontro presso il Ministero dei Trasporti e della Navigazione - Unità Demanio Marittimo, alla presenza del Direttore Generale Massimo Provinciali e la Federazione Italiana Balneari - Fiba Confesercenti, rappresentata dal Presidente Nazionale Renato Papagni.
Nel corso della riunione si è sottoposta in particolare l'attenzione sulla spinosa, e non più procrastinabile, questione delle modalità di applicazione per il rinnovo delle concessioni demaniali, alla luce delle nuove procedure amministrative già delineate (Modello D1) ed in fase di ultimazione.
La Federazione, riscontrando la massima disponibilità da parte della Direzione Generale del Ministero, ha sostenuto l'opportunità di prorogare i titoli concessori demaniali, in scadenza al 31 Dicembre 2002, per un altro biennio al fine di uniformarsi a quanto disposto dalla Legge 88/2001 che, in modo molto chiaro, dispone la durata di sei anni per le concessioni balneari.
Si è inoltre ravvisata la necessità di un adeguato riordino e regolamentazione dei contenuti inseriti nel modello D1, che tante perplessità solleva nell'ambito della categoria degli imprenditori degli stabilimenti balneari.
Il positivo clima di collaborazione che ha caratterizzato l'incontro, ed il costruttivo interessamento espresso dalla Direzione Generale sulle tematiche discusse e sulle richieste avanzate dai dirigenti della Federazione, lascia ben sperare per una rapida soluzione in grado di fornire agli imprenditori balneari quelle certezze di poter operare senza ulteriori ostacoli amministrativi, consentendo così di valorizzare i beni demaniali in direzione di un concreto sviluppo turistico.
La Fiba esprime un ampio consenso e soddisfazione per l'attenzione e la fattiva collaborazione manifestata dal Direttore Generale del Demanio Massimo Provinciali, sempre particolarmente attento ai problemi legati all'imprenditorialità balneare ed alla promozione turistica, auspicando una tempestiva emanazione di un provvedimento chiarificatore risolutivo sugli argomenti sollevati nel corso dell'incontro.

 

Ritorna